Thermo Fisher – Pfizer, accordo per produrre il vaccino in Italia

photo by torstensimon

 

Il presidente del Consiglio Mario Draghi aveva annunciato qualche settimana fa la conclusione del “primo contratto tra un’azienda italiana e un’azienda titolare di un brevetto” per la produzione di un vaccino in Italia, senza tuttavia citare nomi.

Oggi sappiamo che tratta di Thermo Fisher e Pfizer. E sappiamo che l’accordo firmato con il colosso farmaceutico prevederebbe di arrivare a produrre fino a 130mila fiale al giorno di vaccino, nel reparto sterile 1 della Thermo Fisher Scientific di Monza.

Thermo Fisher, si legge sul sitoweb aziendale, ha più di 55 sedi in vari paesi: negli Stati Uniti, in Canada, Cina, Giappone, Australia e in Europa nei Paesi Bassi, in Gran Bretagna, Francia, Germania, Austria, ha ricavi annui che superano i 30 miliardi di dollari e conta oltre 80.000 dipendenti. Opera attraverso varie divisioni tra cui Thermo Scientific, Applied Biosystems, Invitrogen, Fisher Scientific, Unity Lab Services e Patheon, che è stata acquistata nell’agosto 2017 per 7,2 miliardi.

In Italia, ha due sedi principali, a Monza in Lombardia e a Ferentino, nel Lazio (Pharma Services), oltre a quelle di Rodano (Diagnostics) e Parma (Scientific). La sede di Ferentino è una struttura di 14.034 metri quadrati specializzata nello sviluppo di prodotti integrati liquidi sterili e liofilizzati e nella produzione commerciale, inclusi prodotti ad alta potenza e Lvp. Nel 2020 era stato annunciato un investimento di 130 milioni di euro per realizzare un nuovo centro produttivo, interamente integrato con gli attuali laboratori e con gli uffici gestionali, e un nuovo reparto sterile, nonché interventi di ricerca e sviluppo finalizzati al potenziamento del settore dell’immunoterapia e al settore dei biofarmaci ad azione anti neurodegenerativa.

Il plant di Monza è specializzato nella produzione di farmaci iniettabili sterili per conto terzi (CMO) con oltre 1.000 dipendenti. A Monza è stato istituito un centro all’avanguardia che rifornisce oltre 20 paesi, inclusi Stati Uniti, Europa e Asia Pacifico.